Share
Sostenibilità
mar 2024
Comfort ambientale: le condizioni per un ambiente ideale
Tempo di lettura: 4 min

written by

Alessia Varalda

Communication Specialist, Digital Content manager, SEO Copywriter

Ingegnere elettrotecnico. Scrive di home & building automation, illuminazione, comfort, emobility, efficienza energetica e sostenibilità per il portale Elettricomagazine e la rivista tecnica ONEnergy.

Il comfort ambientale è un concetto che va ben oltre la semplice temperatura. È la sensazione di benessere che si prova quando ci si trova in un ambiente dove lavorare, vivere o riposarsi corrisponde alle esigenze dell’utente. L'Indoor Environmental Quality (IEQ), ovvero la qualità dell’ambiente interno, gioca un ruolo di primo piano nella progettazione degli edifici poiché ha un impatto significativo sulla salute, sulla sicurezza e sulla produttività di chi occupa gli ambienti interni.

 

Secondo diversi studi, infatti, si passa mediamente l’80% del proprio tempo in un ambiente confinato. Beneficiare del comfort ottimale in ogni situazione è dunque molto importante per il benessere della persona. Inoltre, il tema del comfort interno oggi è strettamente correlato alle prestazioni degli edifici e a quello dell’efficienza energetica.

 

Parlare semplicemente di comfort indoor è però riduttivo: esistono infatti il comfort igrometrico, quello termico e acustico, il comfort ambientale così come quello illuminotecnico.

Temperatura e umidità

La temperatura e l’umidità sono due dei fattori più importanti da considerare all’interno di un ambiente confinato. Oggi la loro regolazione può essere eseguita e monitorata con semplicità grazie alla disponibilità di soluzioni impiantistiche sempre più evolute.

 

Secondo la norma UNI EN ISO 7730, ad esempio, il benessere termo igrometrico è definito come “la condizione mentale di soddisfazione nei confronti dell’ambiente termico”. Per la misurazione considera quattro parametri fisici: la temperatura dell’aria, la temperatura media radiante, l’umidità relativa e la velocità dell’aria.

 

A seconda della funzione assolta da ogni ambiente, si studiano le migliori soluzioni per assicurare il miglior comfort termo igrometrico, basato sulle esigenze personali degli occupanti grazie alla flessibilità dei relativi impianti di gestione.

Comfort illuminotecnico

L’illuminazione gioca un ruolo chiave nel creare un ambiente confortevole. La luce incide su fattori quali la capacità di concentrazione e sulla produttività, oltre a contribuire a creare un’atmosfera accogliente. In questo ambito, la tecnologia ha fatto notevoli passi in avanti nell’agevolare l’attività di progettazione. Oggi si parla di Human Centric Lighting, nel quale il comfort e le esigenze delle persone sono condizioni primarie.  Questo significa che, oltre ai parametri fisici e tecnici necessari a realizzare determinate condizioni di illuminazione in un certo ambiente, entrano in gioco anche altre componenti come il ritmo biologico e il benessere fisico degli occupanti di un ambiente.

 

Per quanto riguarda la tecnologia, i principali motori di cambiamento sono stati sicuramente la necessità di risparmiare energia; per questo le lampade LED rientrano a pieno titolo tra gli elementi di un equilibrato comfort illuminotecnico.

 

Sensori di presenza, crepuscolari o di regolazione automatica in base all’effettiva luminosità ambientale riducono poi gli sprechi e allo stesso tempo assicurano sempre le migliori condizioni. Anche in questo caso l’IoT fa la differenza, assicurando un controllo sempre maggiore e una gestione flessibile dell’impianto.

La gestione del comfort diventa intelligente

Oggi, grazie a tecnologie per la Smart Home e a sistemi progettati per ottimizzare il comfort in qualsiasi ambiente, è possibile regolare in modo automatico vari parametri (come temperatura, umidità, illuminazione, qualità dell’aria e molto altro ancora). La home & building automation gioca un ruolo significativo nel gestire, controllare e migliorare il livello di comfort in una casa. Attraverso l'integrazione di tecnologie intelligenti e dispositivi connessi è possibile così contribuire alla riduzione degli sprechi di energia, massimizzando nello stesso tempo il comfort e l’efficienza.

 

Uno degli elementi chiave nel contesto del comfort intelligente è rappresentato dai termostati smart.  Si tratta di dispositivi elettronici interconnessi progettati per controllare e regolare il sistema di riscaldamento, ventilazione e condizionamento dell'aria (HVAC) in un ambiente abitativo e, al contempo, ottimizzare il consumo di energia. I più evoluti sono in grado di verificare autonomamente le condizioni atmosferiche, la presenza di persone in una stanza e regolare di conseguenza gli impianti per raggiungere le condizioni ottimali. Inoltre, possono essere controllati in modo molto semplice attraverso una App.

Altri fattori che influiscono sul comfort ambientale

Un’altra variabile che può influire sul comfort ambientale, e di conseguenza sul benessere, è sicuramente il rumore. Ma come garantire un ambiente piacevole e tranquillo riducendo l’inquinamento acustico? Innanzitutto, ci viene in aiuto la normativa, a partire dalla Legge quadro sull’inquinamento acustico (L. 447/1995) che aveva definito i principi fondamentali per tutelare gli ambienti abitativi. Successivamente sono state emanate norme tecniche dedicate alla progettazione dei requisiti acustici passivi, come la UNI EN ISO 12354:2017. Il comfort acustico è a tutti gli effetti uno degli aspetti che ha un forte impatto sulla percezione del benessere.

Scopri le Serie correlate

URBAN [O3]<br />
Soluzioni urbane
Aree urbane, parchi e giardini
URBAN [O3]
Soluzioni urbane
Scopri
SMART LIGHTING INTERACTIVE<br />
Sistemi di controllo dell'illuminazione
Smart Lighting
SMART LIGHTING INTERACTIVE
Sistemi di controllo dell'illuminazione
Scopri

Trending Topics

Condividi

Scrivici

Hai bisogno di informazioni sui prodotti o servizi Gewiss?